Comune di Rose (CS) » Territorio » Artigianato

 

NUOVO ALBO - PUBBLICAZIONI DAL 04/11/2015

 

albo pretorio

 

ALBO CON PUBBLICAZIONI FINO AL 03/11/2015

 

albo

 

NUOVA TRASPARENZA - PUBBLICAZIONI DAL 20/11/2015

Amministrazione Trasparente

 

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE CON PUBBLICAZIONI FINO AL 19/11/2015

Amministrazione Trasparente

avcp

atti

REGOLAMENTI

inc est

cc

servizi

organi di governo

uffici

contatti

Fatturazione Elettronica

TRIBUTI

cambio residenza

Sportello Unico per le Attività Produttive

 

 

Artigianato

Nell'epoca in cui la ricompensa era, sopratutto, nel piacere del lavoro e dei risultati ottenuti, sul territorio Rosetano pullulavano le botteghe artigianali. c'erano la bottega del fabbro (forgia), del falegname, del calzolaio (scarparu), del sarto. .. Allora l’apprendimento di un mestiere,  da parte di un giovane, era considerato un ottimo investimento (mparati n'arti ...).  Era il capo famiglia che sceglieva e contattava il proprietario (“mastru”) della bottega in cui il figlio doveva apprendere il mestiere. Nelle botteghe, inizialmente, ai ragazzi venivano affidate le mansioni più semplici. 

Il Sarto affidava al giovane il compito di custodire il fuoco per il ferro da stiro.

Il Calzolaio inizialmente insegnava al discepolo come preparare la scarpa: ripulirla dalla sporcizia, raschiarla con la raspa, ammorbidirla con l'acqua, ...  

Il Falegname gli affidava i compiti meno pericolosi: trasportare la legna, ripulire i mobili da restaurare, ripulire la segheria.

Il Fabbro al giovane apprendista insegnava  come tirare il mantice cioè l'alimentatore della fucina, ... 

Dopo alcuni anni di duro e faticoso apprendistato il ragazzo veniva impiegato nello svolgimento di mansioni più complesse e solamente quando aveva imparato ogni trucco del mestiere poteva sostenere di avere acquisito, sul campo, la qualifica.

La “qualifica ” era sottoscritta dalla professionalità della bottega in cui aveva appreso il mestiere.

Dopo la “maturità artigiana”, il giovane era pronto per avviare una propria attività.

L'artigiano per l'apprendista era anche Maestro di vita! ecco cosa diceva ... 

A cridenza è morta e u malu pagaturu l'hanu ammazzatu. (il creditore è morto e l'insolvente l'hanno ucciso)

All'arrizzicu sta llu guadagnu (al rischio è strettamente legato il guadagno)

A pignata di setti compari nun vuddra mai.

Ara casa du pezzenti nun mancanu stozza

Campa cà vidi e serva ca truavi (Campa e vedrai, conserva e troverai)

 

Le opere Artigianali

 

Chiesa SS.Annunziata

Chiesa Mad. delle Grazie

I cookie aiutano a fornire servizi di qualità. Navigando su questo sito accetti il loro utilizzo.     Informazioni

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.086 secondi
Powered by Asmenet Calabria